Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Unprepared Hearts

COQUELICOT MAFILLE

Parigi (1975 ), vive e lavora a Milano.

 

La sua ricerca artistica si muove attorno al gioco, alle dimensioni oniriche, agli spazi del linguaggio, alla Natura e alla natura delle relazioni umane. Il suo lavoro invita alla prospettiva della memoria e della vita quotidiana, indagando eterocronia e eterotopia, sovrapponendo e mischiando l'ordine delle cose. Esaminando l'idea di identità, le sue derivazioni multiple, i suoi accavallamenti di percezione esistenziale e le sue sovrapposizioni intime e condivise, il suo lavoro racconta momenti umani, animali e vegetali, fatti di piccole cose di niente, di gesti e di pause, mischiati ai fatti della Storia, della politica, dell'assurdo che ne scaturisce. Declina la sua pratica attraverso diversi media tra i quali il ricamo e la scrittura, su tela, tessuto, carta, muri urbani e vetrine, con filo, pittura e adesivo. Contempla la manipolazione delle immagini – fotografia, archivi, video, collage.

Conclusasi in ottobre 2019 la sua residenza d'artista presso 59 Rivoli a Parigi, partecipa alla mostra collettiva Beyond Language/Dilin Ötesinde, evento collaterale alla Biennale di Istanbul 2019, curata da Benedetta Casagrande e Lâra Özdogan. 
 

Tra le mostre personali: Lectures, Walden Café, Milano, 2019; Due respiri, un passo, doppia personale presso gli Eroici Furori, a Milano, 2018; Richiami, Archimania, Sanremo, 2017; nel 2016, Encyclopédique, presso SibillaArte, Carassai, e da Caffè Internazionale, Palermo. Tra le mostre collettive, Appunti sull'universo, curata da Mariolina Cosseddu, Sassari, 2018; Frammento/Unità, Cheap Festival, Bologna, 2018; Chinatown Biennale, Galleria Davide Gallo, Milano, 2017; Trascendenze Bocs8, durante Roma Art Week 2017; a Napoli da Intragallery e Vis à Vis, Galerie de l'Institut Français, 2016.

 

A marzo 2019, vinto il concorso, realizza il murale La Danseuse, per l'associazione Sos Donna con Distretto A, Faenza. Nel 2017 è stata invitata a realizzare dei ricami murali nel Parco Urbano Villa Olivia, a Castellammare del Golfo e all'Alliance Française di Safi in Marocco. Ha partecipato al Festival Memorie Urbane a Fondi (LT) nel 2016 e nel luglio 2015 a LE MUR, rue Oberkampf, Paris, muro n°190.  

 

A maggio 2018 realizza un disegno e una poesia per Gucci Bloom Acqua Di Fiori.

Il suo lavoro è presente nei cataloghi Arkitekturae/Times in Jazz XXI edizione 2008; Terra/Times in Jazz XXIV edizione 2011; Memorie Urbane V edizione, 2016; Le MUR 2010/2015, Hermann éditeurs, 2016; Maam, Museo dell'altro e dell'altrove, Roma, Ed. Bordeaux, 2017; Street Art In Sicilia, M.Filippi, M.Mondino, L.Tuttolomondo, Palermo, Ed. Flaccovio, 2017; Collection Imago Mundi "FRANCE : INSTANT PRESENT", 2017; Residenze d'artista BoCs Art. Cosenza 2015/2016, Manfredi Edizioni, 2017; e sulle riviste Segnature/micro rivista/micro magazine, un progetto di Paola Lenarduzzi, 2017; DayOffMag, The Paris Issue, 2018; Espoarte, aprile 2019; Sette del Corriere della Sera, agosto 2019.  

 

Conduce inoltre ateliers d'artista presso musei, scuole, associazioni, con ragazzi e bambini. Tra cui al Macaal, Museo d'Arte Contemporanea Africana Al Maaden, Marrakech, Marocco, 2018; con i bambini di Borgo Vecchio, Palermo, in collaborazione con Borgo Vecchio Factory, l'associazione Per Esempio e l'Università di Palermo, 2016; Minotauro, Milano, 2015; MUBA, Museo dei Bambini Milano,2015.